IL CHANNELING che cos’è?

Iniziamo il nostro viaggio! Apro una finestra e osserviamo in profondità solo ed esclusivamente dentro di noi alla scoperta del proprio Se Superiore! In ogniuno di noi risiede un anima (energia o scintilla interiore)costantemente in contatto con l’Intelligenza Superiore, ma molto spesso a causa dell’Ego non percepiamo facilmente la sfera Spirituale. Qui entra in campo il channeling (termine inglese); il “canalizzare” consiste nello stabilire un profondo contatto con il proprio Se Superiore attraverso principalmente semplici tecniche meditative.

A differenza della medianità durante la canalizzazione vi è assoluta assenza di fenomeni comportamentali tipici dello stato di trance. Non vi è quindi alcun Spiritismo, nè approcci con entità defunte e quant’altro. Parliamo semplicemente di una ricezione di messaggi non solo personali, ma anche Universali, attraverso la voce della nostra anima, la parte più intima di noi stessi che senza filtri fa luce sulle ombre della nostra mente.

Non è assolutamente uno strumento divinatorio con il fine di predire eventi,ma solo ed esclusivamente un percorso che si rinnova e si perfeziona ogni qual volta ne sentiamo la necessità.Attraverso dei suggerimenti si raggiunge la consapevolezza della maniera in cui affrontiamo la nostra quotidianià,il modo di reagire e relazionarci, non sempre in sintonia con ciò che l’Universo ha in sebo per noi. Attraverso la canalizzazione riceviamo energia,amore ed equilibrio,stimolando la parte più razionale di noi acquisendo una visione obiettiva di ciò che ci preme risolvere, ma per risolvere è necessario capire… capire noi stessi! fonte inesauribile di vitalità e sorprese!

Il nostro corpo e la nostra mente diviene un tutt’uno con la nostra anima e diveniamo così strumento ricettivo di messaggi di infinita saggezza,con lo scopo di sollecitare l’evoluzione spirituale dell umanità. Ci troviamo su un ponte tra razionalità e spiritualità, andando ad unire i due poli scopriremo e percepiremo il Divino Amore! Una volta raggiunta una totale armonia con il nostro Se Superiore siamo pronti a canalizzare i messaggi. Ma da chi? Chi ci invia informazioni, frasi, segnali per stabilire un equilibrio? Con chi comunica la nostra anima?… Comunica con l’energia di luce, vibrazione sottile o semplicemente con la propria guida interiore o Angelo custode.

TECNICHE PRATICHE

Per praticare il channeling (che ricordo e sottolineo essere una pratica consapevole e vigile che non porta assolutamente a stati di trance) occorre raggiungere le onde THETA le cosidette onde pre-sonno (quelle che ci inducono previa meditazione e conseguente rilassamento)ad avere intuizioni a volte geniali. Si può comunque anche raggiungere una buona canalizzazione mantenendo l’equilibrio su onde ALFA, onde associate allo stato mentale meditativo ove la mente è calma, distaccata dalla realtà esterna e quindi abbastanza ricettiva.

COME RAGGIUNGERE LO STATO DI RILASSAMENTO

  1. Cerca un ambiente tranquillo e silenzioso (spegni cellulare,tv,radio ecc)distesa/o ( o seduta/o comodamednte con schiena retta)chiudi gli occhi respira profondamente per qualche minuto.
  2. Concentra mentalmente l attenzione sul TAN-TIEN (la zona sotto l ombellico)ove collocheremo i palmi delle mani.
  3. Inserisci qualsiasi problema in una bolla e lascialo andare fluttuosamente verso l alto.
  4. Rilassa sempre più ogni parte del tuo corpo,distendi i muscoli degli occhi e allenta la mascella.
  5. Immagina il tuo corpo circondato da una luce che si amplia e si restringe.
  6. Quando hai raggiunto uno stato di rilassamento massimo riporta la tua attenzione sull ambiente in cui ti trovi,respira profondamente e apri gli occhi.

I CHAKRA-RUOTE ENERGETICHE

Nel channeling gli “strumenti” considerati essenziali per il nostro percorso evolutivo/spirituale sono i CHAKRA, cioè punti di collegamento che fanno scorrere l energia nel nostro corpo; è fondamentale per il nostro benessere emotivo che siano perfettamente quilibrati e “puliti”.

MULADHARA 1Chakra

Colore: rosso

Localizzazione: alla base della colonna vertebrale

Caratteristiche: rappresentato dal fior di loto rossoa 4 petali,è associato all’elemento Terra ed è collegato alla forza fisica, all’istinto e al radicamento.

Quando è equilibrato: consente di percepire una forte vitalità, energia e creatività.

Quando è squilibrato: determina eccessivo attaccamento ai beni materiali, forte desiderio di possesso, difficoltà ad affrontare anche le problematiche quotidiane.

SWADHISTHANA 2 Chakra

Colore: arancione

Localizzazione: basso ventre(tra pube e ombellico)

Caratteristiche: rappresentato dal fior di loto arancione a 6 petali è associato all elemento acqua, governa la sessualità ed è collegato alla qualità dell’amore tra gli individui, allo scambio fisico e mentale.

Quando è equilibrato: i sentimenti sono fluidi e vissuti con spontaneità, stimola a vivere serenamente la vita sessuale.

Quando è squilibrato: comporta scarsa fiducia nelle proprie potenzialità, incapacità ad esprimere i propri sentimenti e in alcuni casi a reprimere la sessualità.

MANIPURA 3 Chakra

Colore: giallo brillante

Localizzazione: a livello dello stomaco

Caratteristiche: rappresentato dal fior di loto giallo a 10 petali è associato all elementofuoco ed è collegato alla determinazione, alla consapevolezza del proprio valore e alla capacità di saggezza spirituale.

Quando è equilibrato: determina pace con se stessi, personalità carismatica e armoniosa, permettendo di vivere rapporti personali e/o spirituali appaganti.

Quando è squilibrato: provoca sbalozi d umore, introversione e apatismo.

ANAHATA 4 Chakra

Colore: verde smeraldo

Localizzazione: al centro del petto.

Caratteristiche: rappresentato dal fior di loto verde a 12 petali è associato all elemento arria ed è collegato ai sentimenti puri verso gli altri (senza aspettarsi nulla in cambio), alla compassione e all empatia.

Quando è equilibrato: determina spontaneità e serenità, garantisce legami e unioni profonde e porta ad amare e rispettare ogni forma di vita (piante,animali ecc.)

Quando è squilibrato: determina incapacità di provare e suscitare a sua volta amore puro, ci si sente spesso inadeguati e questo porta molte volte ad un eccessiva disponibilità verso gli altri, ma spesso con lo scopo di sentirsi accettati.

In alcuni casi l’individuo sente morbosamente la necessità di essere amato e condiderato da qualcuno in particolare e se ciò non avviene si chiude sempre più in se stesso.

VISHUDDHA 5 Chakra

Colore: blu

Localizzazione: centro della gola

Caratteristiche: rappresentato dal fior di loto blu a 16 petali è associato all elemento dell etere, ed è collegato alla comunicazione, alla capacità di assimilare e alla responsabilità.

Quando è equilibrato: determina ottima comunicazione, ascolto e comprensione.

Quando è squilibrato: determina squilibrio emotivo, la sensazione del classico “nodo”in gola, incapacità di esprimere concetti profondi e sensati.

AJNA 6 Chakra

Colore: indaco

Localizzazione: al centro dell arcata sopraccigliare

Caratteristiche: rappresentato da 2 petali di loto indaco è collegato alla luce, presiede lo sviluppo dell’intuizione, determina la capacità di visualizzare e comprendere concetti mentali importanti e dar luogo al proprio viaggio spirituale raggiungendo il proprio scopo.

Quando è equilibrato: apporta perfetto equilibrio tra raazionalità e intuito permettendo alla nostra attività extrasensoriale d essere molto più aperta e ricettiva.

Quando è squilibrato: porta ad amplificare e a distorgere la realtà, ci rende arroganti e non lascia spazio a tutto ciò che non è scientificamente provato.

SAHASRARA 7 Chakra

Colore: viola, oro o bianco.

Localizzazione: al vertice della testa.

Caratteristiche: rappresentato dal fior di loto dai mille petali è il chakra della spiritualità suprema.Fortemente collegato al pensiero e alla connessione con la propria spiritualità e all armonizzazione tra mente e corpo.

Quando è equilibrato: attraverso l equilibrio di questo chakra riusciamo ad assorbire spontaneamente l energia universale, trasformando la sofferenza in distacco consapevole della realtà; si diviene esseri totalmente puri, percependo costantemente un senso di beatitudine.

Quando è squilibrato: determina un senso di abbandono e solitudine; si è afflitti continuamente da dubbi, incertezze e paure determinando spesso un forte squilibrio anche negli altri chakra.

Il pianeta Terra è giunto ad un cambiamento vibrazionale elevato, che richiede sacrificio, tolleranza e condivisione. In questo periodo di trasformazione globale in cui siamo destabilizzati, incerti e mortificati, l’universo ci invita a lavorare su noi stessi e sulla personale capacità d’intuizione. Lo scopo del channeling è unicamente condividere ed aiutare, inviare e ricevere energia positiva e luminosa per alleviare la sofferenza sopratutto in questo periodo che ci unisce e ci allontana!

Amici,  prossimamente aprirò una nuova finestra e conosceremo le 8 dimensioni superiori, condividerò con voi alcune semplici meditazioni ed esercizi pratici per l’allineamento della propria “antenna interiore”.

Un abbraccio, Stefania.

Ti è piaciuto l’argomento? Vorresti un consulto speciale di channeling? Richiedi il tuo consulto speciale.

Leave a Reply